VIA FRANCIGENA da NORD a SUD: nuove prospettive

E’ con grande piacere che vogliamo dare spazio in queste pagine a due importanti eventi. Il primo, svoltosi lo scorso giovedì 19 marzo 2015 a Roma, nella prestigiosa Sala “Pietro da Cortona” dei Musei Capitolini, testimonia che l’iter per il riconoscimento della Via Francigena del SUD quale itinerario culturale europeo è sempre più vicino alla sua realizzazione.

Tavolo

Qui potete leggerne il Comunicato Stampa ed averne un ragguaglio più dettagliato.

 

19 marzo 2015, Sala Pietro Da Cortona

19 marzo 2015, Sala Pietro Da Cortona

Crediamo fermamente che gli itinerari culturali siano, a prescindere dall’esattezza storica del loro tracciato, impossibile (e forse inutile) dilemma, una grandissima opportunità per i nostri territori più nascosti; non solo: un potente antidoto all’economia capitalistica in un ottica di sviluppo legato al rispetto dell’ambiente, alla decrescita, al rispetto delle differenze, allo scambio culturale, ad un turismo responsabile ed accorto, alla diffusione di valori forti nella religione cattolica ma vivi e validi per ogni religione e anche al di fuori di esse: l’accoglienza, la tolleranza, la pace. Elementi fondanti di una prospettiva per l’Italia migliore che sappia sì muovere una microeconomia diversa, ma anche intercettare e canalizzare queste suggestioni in una nuova formazione continua per amministratori e cittadini. Ricostruire il nostro presente partendo dallo sviluppo locale, partendo, tra le altre cose, da una dorsale culturale che lega tutto l’Occidente all’Oriente. Si tratta, specialmente in questo momento, di un fatto assolutamente necessario.

…E le cose si muovono anche nel Lazio. Il secondo evento si svolge invece a Formello, il 25 marzo. Finalmente un Protocollo d’Intesa che lega tutti i comuni a Nord di Roma, facilitandone l’operato, promuovendo la collaborazione e la comunicazione reciproca. Dall’accoglienza alla manutenzione il lavoro è molto ma non troppo; necessaria invece, in questo caso, una buona capacità di rete e di organizzazione tutta da attivare. Il Protocollo ha esattamente questo scopo. Abbiamo partecipato al tavolo dall’inizio del suo costituirsi e via via, in questi mesi, ne abbiamo supportato la nascita, collaborando attivamente anche agli emendamenti dello Statuto. Siamo orgogliosi di partecipare ed invitarvi domani alla firma ufficiale. Saranno presenti, per la costituzione di un Tavolo di Coordinamento per la valorizzazione della Via Francigena nel Lazio i Comuni di Acquapendente, Bolsena, Campagnano di Roma, Capranica, Caprarola, Formello, Grotte di Castro, Mazzano Romano, Montefiascone, Monterosi, Nepi, Proceno, Ronciglione, San Lorenzo Nuovo, Sutri, Vetralla, Viterbo.

A. Alemanno e S. Quilici durante la camminata del III Forum in Toscana

A. Alemanno e S. Quilici durante la camminata del III Forum in Toscana

Il Programma dell’iniziativa sul sito dell’AEVF.

Probabilmente ci sarà spazio anche per la presentazione dei progetti finanziati alle aggregazioni di comuni della Francigena del Nord attraverso il nuovo avviso per iniziative di promozione e valorizzazione dei percorsi della Via Francigena nel Lazio.

 

Ricominciamo dal cammino!

 

Angelica Alemanno

Questa voce è stata pubblicata in Documenti, Eventi, News. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>